Homepage » Notizie da AMIA » Ultime » Rifiuti, Legambiente: «Palermo come Salerno, la Sicilia come la Sardegna»
Rifiuti, Legambiente: «Palermo come Salerno, la Sicilia come la Sardegna»
rifiutipalermoLIVORNO. E' scoppiato anche il bubbone dei rifiuti siciliani, rimasto fino ad ora confinato nelle pagine locali di qualche giornale e nelle denince inascoltate delle associazioni ambientaliste. Proprio da una di queste, Legambiente vengono chiarimenti e proposte: secondo Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente e Mimmo Fontana, presidente Legambiente Sicilia «La situazione che sta vivendo la città di Palermo non deve stupire. Già da tempo avevamo denunciato la pessima gestione dei rifiuti, con la mancanza totale di politiche per incentivare la raccolta differenziata, e adesso siamo alla resa dei conti. Non era certamente pensabile risolvere lo sfascio dell'Amia aumentando ulteriormente la tassa sui rifiuti, che è già la più cara d'Italia, e adesso l'amministrazione Cammarata dovrà seriamente pensare ad un piano che risolva l'emergenza, tutelando anche i lavoratori. Non vorremmo infatti che, come già è accaduto per la Campania, si sfruttasse questa emergenza, che è tutta di natura economica e non ha nulla a che vedere con la carenza di impianti, per sostenere la disastrosa scelta di sostituire in Sicilia la gestione integrata dei rifiuti (prevista dalle norme italiane ed europee), con il loro incenerimento».

Gli ambientalisti sottolineano che l'emergenza rifiuti non è certo una novità «esiste dalla fine degli anni novanta. La politica l'ha fin qui utilizzata per operazioni clientelari ed a sostegno del gigantesco affare dell'incenerimento. Infatti, come ha scritto anche la Corte dei Conti, a fronte di investimenti per centinaia di milioni, la raccolta differenziata è passata solo dal 3 al 6 per cento. Questo fallimento è il frutto di una pianificazione demenziale, in palese contrasto con le direttive europee che va azzerata, per ricominciare tutto da capo».

Le denuncia è ancora più forte perché viene da un'associazione che non è a priori contro gli inceneritori e che li vede però come impianti necessari a chiudere quel che dovrebbe rimanere alla fine di un ciclo virtuoso che in Sicilia nessuno sembra nemmeno aver provato ad aprire a livello regionale: «Per evitare danni ancora maggiori di quelli che si stanno verificando in queste ore - dicono Fontana e Ciafani - è necessario che la politica cambi radicalmente rotta puntando su un vero modello di gestione integrata dei rifiuti, trasformando il problema in una grande occasione di sviluppo industriale, così come è avvenuto in Lombardia negli anni novanta. Palermo deve puntare ai risultati ottenuti da Salerno, dove la raccolta differenziata è all'80 per cento; la Sicilia a quelli della Sardegna, dove in 5 anni si sono fatti passi in avanti straordinari. Nel 2000 infatti la Sardegna era l'ultima regione d'Italia con il 2 per cento di differenziata, mentre al dicembre 2008 la raccolta differenziata ha raggiunto il 38 per cento. Solo così si potranno fare realmente gli interessi dei cittadini, equiparandoli alle migliori realtà sia del sud che del nord, dove il costo annuo a famiglia si aggira sui 150/160 euro, anziché sulle attuali cifre fino a 500 euro l'anno, solo per il semplice smaltimento in assenza di raccolta differenziata».

Fonte www.greenreport.it
 

Notizie da AMIA

La Fungalonga by Night - 7 ottobre 2017

News image

Secondo trekking notturno in mezzo alla natura Partenza: sabato 7 ottobre 2017 - ore 14:30 La camminata non ha una copertura assicurativa: ognuno è responsabile per se stesso e per i minori che ha i...

Lunedì, 18 Settembre 2017

» leggi tutto

Skiantalonga - Terza edizione - 3 settembre 2017

News image

Camminata da Colonnata a Lerici (km 30 circa) - Traghetto  da Lerici a Portovenere Data partenza: domenica 03 settembre 2017. In caso di maltempo o di mareggiata, la data di partenza ver...

Martedì, 8 Agosto 2017

» leggi tutto

Visita/trekking alla “grande Muraglia Piemontese” - venerdì 2 giugno 2017

A giugno Visita/trekking alla “grande Muraglia Piemontese” del Forte di Fenestrelle. Durata: 7 ore circa. Partenza da Amia ore 5:00. Tutti i dettagli nel volantino allegato. Il Volantino - Forte di Fenestrelle ...

Mercoledì, 8 Marzo 2017

» leggi tutto

AMIA S.p.a.

viale Domenico Zaccagna, 18/a
54033 Avenza (MS)
P.IVA\C.F. 00637570458

EMAIL: info@amiacarrara.it
POSTA CERTIFICATA: amia@pec.amiacarrara.it
Privacy Policy

ORARI D'APERTURA

tutti i giorni
compreso il sabato (tranne luglio e agosto)

dalle ore 8:00 alle ore 14:00

NUMERO VERDE E CENTRALINO

il nostro numero verde 800 01 58 21

CERTIFICAZIONI

le certificazioni ottenute da AMIA